25 | 09 | 2016
Menu Principale
Firma Appelli Online
Banner
Orari Sede

Riunioni periodiche ogni:  
1° e 3° Sabato
del mese alle
ore 17:30

Sede di via C. Mayr, 10

a Ferrara

Campagne
Banner
Banner
Banner
Statistiche
Utenti : 34
Contenuti : 2439
Link web : 7
Tot. visite contenuti : 703876
1° Marcia per i diritti: camminata ludico motoria di 5.5 K aperta a tutti PDF Stampa
Martedì 23 Agosto 2016 20:09

 
Sveglia Italia PDF Stampa
Domenica 17 Gennaio 2016 20:39

 

Ferrara: il 23 GENNAIO in PIAZZA MUNICIPALE alle ore 16:00 FLASHMOB per il quale servono sveglie e orologi di qualunque tipo, meglio se molto grandi e vistosi…

FACCIAMO SUONARE FORTE L'ORA DEI DIRITTI!

Le associazioni LGBT (Arcigay, ArciLesbica, Agedo, Famiglie Arcobaleno, Mit), con il sostengo di CGIL, ARCI, Amnesty International, UAAR, CGD (e altre sigle si stanno aggiungendo di ora in ora) si preparano a esprimere a gran voce la domanda di DIRITTI e di UGUAGLIANZA che in questo Paese da troppo tempo rimane inascoltata.

Le persone omosessuali, transessuali, intersessuali, bisessuali e transgender, ma anche i bambini senza diritti, quelli nati in famiglie omogenitoriali, hanno bisogno anche del tuo sostegno e di quello di tutta la società civile.

Non parleremo di una legge, bensì di un valore, cioè dell'uguaglianza di tutti e tutte, e del diritto di vivere in uno Stato laico. Staremo assieme alle famiglie, a tutte le famiglie, rivolgendo questo parole non solo al Governo e al Parlamento, ma a tutti i cittadini italiani:

«L’Italia è uno dei pochi paesi europei che non prevede nessun riconoscimento giuridico per le coppie dello stesso sesso. Le persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali non godono delle stesse opportunità degli altri cittadini italiani pur pagando le tasse come tutti. Una discriminazione insopportabile, priva di giustificazioni.

Il desiderio di ogni genitore è che i propri figli possano crescere in un Paese in cui tutti abbiano gli stessi diritti e i medesimi doveri.

Chiediamo al Governo e al Parlamento di guardare in faccia la realtà, di legiferare al più presto per fare in modo che non ci siano più discriminazioni e di approvare leggi che riconoscano la piena dignità e i pieni diritti alle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali, cittadini e cittadine di questo Paese.

La reciproca assistenza in caso di malattia, la possibilità di decidere per il partner in caso di ricovero o di intervento sanitario urgente, il diritto di ereditare i beni del partner, la possibilità di subentrare nei contratti, la reversibilità della pensione, la condivisione degli obblighi e dei diritti del nucleo familiare, il pieno riconoscimento dei diritti per i bambini figli di due mamme o di due papà, sono solo alcuni dei diritti attualmente negati.

Questioni semplici e pratiche che incidono sulla vita di milioni di persone. Noi siamo sicuri di una cosa: gli italiani e le italiane vogliono l’uguaglianza di tutte e di tutti».


 

 
Insieme per un mondo piu' buono PDF Stampa
Martedì 08 Dicembre 2015 20:58

 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 1 di 678